RICOLAJEEP1A CLASSE - ALVIERO MARTINIMASTERCARDSANDISK
 

Avventura sul lago di Albano!

Oggi facciamo colazione sulla terrazza panoramica del nostro hotel, il sole splende ed è veramente un piacere cominciare la giornata in questo modo. Il programma di oggi prevede una mattinata da passare sul lago Albano, dove abbiamo appuntamento con Elena e Ilaria, veterane del programma, e con Silvia Mecucci, campionessa di Sup, che porta alta la bandiera italiana nel mondo con i suoi tanti titoli vinti.
Sup è acronimo di stand-up paddle, è una disciplina che può essere praticata ad ogni età e su ogni specchio d’acqua: lago, mare, invasi artificiali, canali… lo si può praticare davvero ovunque, basta procurarsi una pagaia e una tavola gonfiabile facile da trasportare e gonfiare sul posto!
Scendiamo in acqua e cominciamo a pagaiare prendendo le boe come riferimento. Le acque del lago sono tranquille e, di tanto in tanto, incrociamo qualcuno si allena pagaiando.
Anche noi improvvisiamo una garetta…
Siamo nel territorio di Castel Gandolfo, in cima alla collina si vede il borgo con la residenza che per secoli è stata la residenza estiva dei Papi. Il lago Albano infatti, è chiamato anche lago di Castel Gandolfo ed ha la peculiarità di essere quasi perfettamente circolare, per via della sua origine vulcanica e, per lo stesso motivo, è estremamente profondo, sfiora i 170 metri.
Torniamo sulla terra ferma portando con noi anche le canoe e, caricati i tre sup sul cassone del nostro pick-up rosso fiammante, andiamo tutte insieme a mangiare qualcosa qui vicino, in un ristorante con terrazza che affaccia sul lago, “I Quadri”.
Elena e Ilaria raccontano qualcosa delle loro spedizioni, io ho avuto la fortuna di viaggiare con entrambe. Elena ha esordito nel 2007 con il Gran raid della Malesia e poi nel 2008 si è unita alla spedizione di Ilaria, da allora sono diventate grandi amiche e nel 2009 sono tornate a viaggiare insieme in Stati Uniti e Canada. Ascoltare i racconti di viaggio è sempre piacevole, un po’ perché si scoprono cose nuove, un po’ perché si rivivono emozioni comuni come è successo a me oggi.
Il pranzo è tutto a base di pesce, partendo dal polipo, orata, seppia e ovviamente come contorno gli immancabili carciofi.
Concluso il pranzo con il solito “caffè ricarica”, siamo tornate tutte sulle jeep per dirigerci verso Villa Cavalletti per incontrare i ragazzi che studiano all’istituto alberghiero.
Arrivati in struttura, abbiamo raggiunto l’aula cucina dove il Prof. Francesco ed i suoi studenti, ci hanno accolto non solo con tanto entusiasmo ma con tantissime ricette da preparare insieme.
Ora viene il bello! Toccava a noi cucinare, quindi grembiule e cappello e via ai fornelli come delle vere cuoche.
Laura C. con l’aiuto del professore, ha preparato l’antipasto: una fresca insalata di carciofi, erbette e arancia per poi passare a Sjia, Francesca e Laura T. alle prese con una buonissima amatriciana.
Mentre Francesca degustava la pasta appena cucinata, Claudia e Alice hanno preparato il dolce con l’aiuto dei ragazzi.
Claudia si è occupata dei biscottini di pasta frolla, ed Alice delle decorazioni di zucchero.
Tutto in forno per poi l’impiattare il dolce: la rivisitazione della crostata ricotta e visciole.
Finita la nostra lezione di cucina, siamo tornate alla base per prepararci all’incontro con gli stornellatori romani che ci hanno fatto ballare e cantare a suon di stornelli romani.
Ah non possiamo dimenticare le rime dedicate a Francesca, Claudia, Laura C e Chiara. Sono state davvero troppo divertenti!!!
È stato molto piacevole ascoltare dei tipici stornelli romani.
Salutati gli stornellatori, la tabella di marcia poi prevedeva il giro con le E-Bike nel vigneto di Villa Cavalletti. Siamo state affiancate da Michele che ci ha fatto fare un bel percorso nella campagna circostante facendoci scoprire dei meravigliosi alberi di ulivo e immensi filari di viti. Durante il nostro tragitto abbiamo anche incrociato un trattore che ci ha fatto scoprire altri sentieri. È stato molto piacevole e per niente faticoso poiché le E-Bike grazie alla pedalata assistita, ci hanno reso le salite meno difficoltose.
Poco prima del tramonto siamo arrivate nel punto più panoramico dei giardini della Villa con una vista mozzafiato sui Castelli Romani e su Roma. Con questa meravigliosa visuale abbiamo potuto degustare uno spumante accompagnato da prodotti del territorio come salame, formaggi, porchetta, e abbiamo brindato a questa splendida giornata passata insieme con il sole che tramontava dietro di noi.
Dopo aver caricato le bici sulla jeep, siamo tornate alla base per la cena; Mentre il sole colorava il cielo di rosso noi ci siamo dirette verso il centro di Frascati per una pizza gustosa per recuperare le energie.

 
Scroll