AITRRICOLASHISEIDO1A CLASSE - ALVIERO MARTINITOURING CLUB ITALIANOBFGoodrichJEEPMASTERCARDESERCITO ITALIANO
 

Un altro giorno a Caldarola

Sveglia presto, una rapida colazione e si parte. La magica jeep arancione aspetta le nostre 2 Donnavventura che impazienti non vedono l’ora di sapere cosa le aspetta. Si avviano verso Sarnano, dove incontrano il sindaco che le accompagna in un posto speciale: le Terme di S. Giacomo!
Il benessere fisico e mentale è una prerogativa dei monti Sibillini, luogo d’incontro tra uomo e natura, tra cuore e spirito.
Una piccola coccola per le Donnavventura è sempre una tappa fondamentale dei loro viaggi e tra una vasca calda idromassaggio, il percorso caldo/freddo, un massaggio rilassante e uno decontratturante, il percorso emozionale con la cromoterapia e infine la sauna. Una mattinata all’insegna del rilassamento, soprattutto molto gradita, dopo lo stancante lavoro notturno al computer. Ricordiamoci che le veterane sono solo in 2 in questa piccola spedizione e che il loro lavoro dev’essere comunque quello di una grande squadra.
Arriva il momento del pranzetto tipico di queste zone al Ristorante ai Pini a Sarnano e dopo essersi rifocillate, sembra anche tornato il bel tempo.
Le nostre ragazze sono pronte a ripartire più cariche di prima alla scoperta di nuove viuzze in cui perdere il loro sguardo.
Nel primo pomeriggio arrivano in cima al meraviglioso borgo di Sarnano e si godono da lassù un panorama splendido. Sarnano è uno tra i borghi più belli d’Italia, situato proprio nel cuore dei Monti Azzurri, nonché insignito della bandiera arancione dal Touring Club Italiano. Le nostre Donnavventura si sono poi dirette verso lo stemma di Sarnano, disegnato da San Francesco in persona, durante una sua visita nel borgo. Viva ed energica, Sarnano le ha proprio colpite e lasciate con un bel sorriso stampato in volto.
A bordo della loro jeep arancione, le veterane si dirigono verso Penna di San Giovanni dove entrano in un grazioso teatrino che assomiglia ad una vera e propria bomboniera. Completamente realizzato in legno, il teatrino è una di quelle chicche che Donnavventura ama scoprire e raccontare. Risalgono in macchina e tra una curva e l’altra arrivano a Monte S. Martino. Un borgo magico, completamente abbracciato dal rigoglioso manto verde dei Monti Sibillini. E’ la volta della chiesa S. Martino, dove le nostre Donnavventura possono ammirare il polittico del fratelli Crivelli, risalente al 1480 e altri 3 trittici. Il polittico si tratta di un’opera d’arte realizzata a quattro mani, da Carlo e Vittore Crivelli e questo si può riconoscere anche dallo stile differente dei due. Se il celebre Carlo ha un tratto più incisivo e vivido, il fratello Vittore è più debole e indeciso.
Un borgo quello di Monte S. Martino che ha conquistato i cuori di Alessia e Vanessa, che a fine giornata si perdono nei colori brillanti dei Monti Azzurri.
La cena al solito posto, al Tesoro Pizzeria Ristorante e poi di nuovo al campo base Villa Bea, dove le aspetta tutto il lavoro di produzione del programma. Perché le nostre veterane sono così, appassionate e perfezioniste, professionali ed entusiaste.

 
Scroll