AITRRICOLASHISEIDO1A CLASSE - ALVIERO MARTINITOURING CLUB ITALIANOBFGoodrichJEEPMASTERCARDESERCITO ITALIANO

07/10/2019 - LA PRIMA SETTIMANA IN ISLANDA

Questa terra è sempre stata per me solo uno scenario totalmente immaginario, l’Islanda è una meta che non avrei mai pensato di raggiungere, la consideravo irraggiungibile, lontana, un altro pianeta. Non mi sbagliavo sul fatto che sia un mondo parallelo però eccomi qua! Qui puoi godere di paesaggi incredibili dalla mattina non appena apri gli occhi fino alla sera quando li chiudi. Stiamo percorrendo kilometri e kilometri e qui è davvero un piacere guidare, le protagoniste sono sicuramente le pecore, ce ne sono migliaia e le puoi incontrare ovunque. Ci fermiamo in paesini che al massimo contano 1000 abitanti ma ognuno di questi mi ha lasciato un bel ricordo e delle energie positive. Le persone sono cordiali e rilassate e ci tengono a specificare che non è vero che in Islanda non ci sia nulla da fare . Sono rimasta completamente affascinata dai ghiacciai, ancora adesso mentre scrivo sento una bella sensazione ripensandoci… sembrano dei diamanti giganti in mezzo all’acqua. Mi sento fortunata nel poter vedere, conoscere realtà così diverse dalla mia. Tutto questo mi arricchisce molto. Siamo state a casa di Ulda, una simpatica Islandese che ci ha accolte nella sua casa raccontandoci la sua storia, aprendoci le porte di casa sua per farci assaggiare la tipica cucina Islandese ( che vi assicuro non è per niente male ). Ulda ci ha spiegato che qui il primo mestiere è ovviamente la pesca, si vive di quello ma che purtroppo per lei e molti altri, il mare si è portato via persone a lei care. Tutte le persone con cui interagiamo sono gentili e disponibili e sono fiere della loro terra. Noi però stiamo aspettando con ansia di vedere la vera meraviglia di questo posto, L’Aurora Boreale, ogni sera apro le tende, spengo la luce e aspetto di vederla, tutte noi lo facciamo. Non è semplice perché ci devono essere le condizioni climatiche giuste ma io sono come sempre positiva e speranzosa. La mia squadra è convinta che qui ci siano gli Elfi e ogni persona del posto che incontriamo viene martellata di domande su questo fatto, loro ci credono e sono convinti della loro esistenza, anche le ragazze sono molto affascinate da questi racconti, io sono l’unica che non ci crede e che le prende in giro. In ogni caso ci consigliano di tenerci per mano quando attraversiamo la nebbia perché qualcuna potrebbe essere portata via. Abbiamo un’altra splendida settimana che ci aspetta e sarò ben felice di raccontarvi gli sviluppi, specialmente sull’Aurora… incrocio le dita e vi saluto.
Ester

Scroll