AITRRICOLASHISEIDO1A CLASSE - ALVIERO MARTINITOURING CLUB ITALIANOBFGoodrichJEEPMASTERCARDESERCITO ITALIANO

16/06/2020 - Isola d'Elba

DONNAVVENTURA ITALIA: SI RIPARTE!!

Ero nel giardino di casa, a pochi giorni dal mio compleanno, quando ricevo una telefonata dal capo spedizione…
"Lorena, sei pronta a partire?"
"Certo! Quando?"
"Il 19"
"Ma giugno?"
"No maggio…."
"Ma è domani!!!!"
Ebbene si!
Non pensavo sarebbe stato possibile. Non così presto.
Dopo due mesi di lockdown, oltre sessanta giorni di reclusione nei quali tornare a viaggiare sembrava una fantasia lontana, irraggiungibile…eccomi qui, sul traghetto che da Piombino mi porta all’Isola d’Elba.
Ma Maurizio è Maurizio, tutto quello che sogna, pensa o dice, lo fa, senza esitazioni, con grande consapevolezza e un pizzico di follia, che non guasta mai.
Come un bambino che gioca con una spada di cartone e si sente un valoroso condottiero, Maurizio immagina il suo viaggio, figura la sua prossima avventura, e con la stessa fantasiosa fede crea il suo mondo.
Donnavventura è magica anche per questo, per il sogno che c’è dietro, quella visione che ha preso forma e che da oltre trent’anni regala attimi di evasione agli spettatori, e trasforma delle sconosciute in una famiglia.
Ed eccomi qui, sono tornata in carovana, il modo migliore di viaggiare, entrando nella realtà dei luoghi senza perdersi nessun dettaglio.
Con due compagne di avventura che conoscevo già: Sijia e Giorgia. Che gruppo ragazzi, una perfetta commistione di pregi…
L’ironia e la spensieratezza di Giorgia, che con una battuta sdrammatizza ogni situazione, facendoci ridere dalla mattina alla sera, riuscendo a rendere divertente anche la situazione più seriosa; l’eccletticità e la profondità di Sijia, che passa dalla guida della jeep ai nodi marinari, ma soprattutto che con il suo modo schietto e le sue parole, talvolta crude, riesce sempre a farti riflettere, e arrivare dritta al cuore.
Due ragazze speciali, entrambe con il dono di saper ascoltare senza giudicare, senza etichettare. Una qualità rara, che ho apprezzato tanto in questo viaggio, e che ritengo necessaria in un gruppo, ma soprattutto nella vita.
L’Elba ci ha accolto in tutta la sua bellezza: con i suoi profumi, e quei colori che non puoi dimenticare. Sfumature intense che tracciano le linee di un’isola dal fascino irresistibile.
La sera quando ci sediamo intorno al tavolo del nostro appartamento, è come tornare a casa; siamo qui, tutte insieme, tra chiacchere, confessioni e stanchezza, certo, ma soprattutto eccitazione. Per ognuna di noi è il primo viaggio dopo il surreale e complesso periodo di lockdown, e tornare a respirare l’aria fresca in giro per l’Italia è un regalo che non possiamo dare per scontato.
Essere “libere” di scoprire posti nuovi, ascoltare storie di artisti, artigiani, produttori: uomini e donne che hanno saputo valorizzare il loro territorio dando vita a progetti e prodotti unici, mi commuove. Quanta bellezza, quanta vita. In più di un’occasione ci siamo ritrovate a guardare un tramonto o parlare con delle persone, con gli occhi lucidi e l’emozione che affiora e non riesci a tenere a bada. Un pasticciere che riporta in vita ricette ormai scomparse, coinvolgendo gli anziani del paese, memoria e cuore di tradizioni antiche, un agricoltore che accetta una sfida e inizia la produzione di un vino unico, legato al mare… e poi la quiete del Giglio, tra calette in cui perdersi per giornate intere e pranzi che sanno di famiglia, e cosa dire di Capraia?
Ci ho lasciato il cuore lì. Una perla incastonata nel blu e quell’anima selvaggia, tra casette adornate da fiori e scogliere che all’ora del tramonto si tingono di rosso.
Quante cose abbiamo visto in questi giorni?
Ho già terminato un quaderno, riempiendolo di appunti e suggestioni. I miei occhi però non sono mai sazi, la mia curiosità è più viva che mai, e soprattutto è solo l’inizio.
Un gran bell’inizio.
Migliore di qualunque aspettativa.

Scroll